FAQ

Esami orali a distanza

Prerequisiti

Che dispositivo utilizzo?
Lo studente deve avere a disposizione un personal computer. In alternativa, se necessario, è consentito anche l’utilizzo di smartphone o tablet.

Cosa bisogna avere?
Per assicurare la buona qualità dell’esame in videoconferenza il personal computer dello studente deve avere: una webcam, delle cuffie con microfono (in loro assenza lo studente può utilizzare casse e microfono del computer ma in questo modo si abbassa di molto la qualità audio dei suoi interventi) e una connessione a una linea Internet stabile. Se non fosse possibile soddisfare questi prerequisiti, contattare in tempo utile l’Università attraverso il Servizio InformaStudenti.

Utilizzo Office 365 e Teams
Per la connessione audio-video, l’Ateneo mette a disposizione la piattaforma Microsoft Teams. È permesso anche l’uso di strumenti alternativi (come ad esempio Skype) ma senza la possibilità di ricevere assistenza.
Info e Download di Office 365

Per usufruire della piattaforma si utilizza l’indirizzo istituzionale @studenti.unimi.it o @unimi.it. Tutti i dettagli e le istruzioni sono disponibili alla pagina dedicata del portale.

Esami scritti con piattaforma Moodle SEB

Come si svolgono?
Gli studenti chiamati a svolgere online un appello con piattaforma Moodle SEB devono consultare e scaricare, dal box documenti, le istruzioni da seguire.

In particolare, è necessario fare molta attenzione ad alcuni passaggi fondamentali:

Prima della prova
Iscriversi all’appello di esame attraverso UNIMIA, attendere la mail del docente che specifica data e ora della prova (potrebbero differire da quanto indicato su UNIMIA), e il sistema di web conference adottato con le istruzioni per connettersi tramite il proprio smartphone. Scaricare la app e predisporre con congruo anticipo la propria postazione di lavoro secondo quanto dettagliato nelle istruzioni.

Durante la prova
Svolgere l’esame in assoluto silenzio e senza altre persone presenti nella stanza, pena l’annullamento dello stesso, seguendo le indicazioni del docente. La piattaforma Moodle registra le risposte anche durante lo svolgimento, pertanto in caso di caduta della connessione ad Internet o in caso di crash del proprio PC, sarà possibile riprendere la compilazione del quiz dal punto in cui è avvenuta l’interruzione.

Al termine della prova
Attendere comunque il termine del tempo previsto, e su richiesta del docente confermare l’invio del proprio elaborato. Per inviare definitivamente la prova d’esame cliccare sul pulsante “Invia tutto e termina”.


Esami online a quiz con sistema di proctoring

Come si svolgono?
Gli studenti chiamati a svolgere online un esame online a quiz con sistema di proctoring devono consultare e scaricare, dal box documenti, le istruzioni da seguire.  In particolare, è necessario fare molta attenzione ad alcuni passaggi fondamentali:

Prima della prova
Assicurarsi di poter disporre di un computer con sistema operativo Windows o Mac OS, di un browser Chrome, di una webcam e di una connessione internet molto stabile.
Iscriversi all’appello di esame attraverso UNIMIA, installare l’estensione “Proctorio Chrome Extension” e predisporre con congruo anticipo la propria postazione di lavoro secondo quanto dettagliato nelle istruzioni.

Durante la prova
Oltre a delle precise regole da rispettare, lo svolgimento della prova implica una serie di restrizioni da parte del sistema di controllo. Per l’intera durata della prova, saranno registrate anche tutte le informazioni relative ad alcune periferiche, programmi, funzioni, azioni e dati.

Al termine della prova
Al termine della prova comparirà una schermata contenente il comando “invia tutto e termina. Qualora non si risponda entro i limiti previsti, il quiz sarà inviato automaticamente.


Esami scritti su piattaforma online

Come si svolgono?
Gli studenti chiamati a svolgere online un appello scritto proposto tramite la piattaforma exam.net devono consultare e scaricare, dal box documenti, le istruzioni da seguire. In particolare, è necessario fare molta attenzione ad alcuni passaggi fondamentali:

Prima della prova
Iscriversi all’appello di esame attraverso UNIMIA, attendere la mail del docente che specifica data e ora della prova (potrebbero differire da quanto indicato su UNIMIA), e predisporre con congruo anticipo la propria postazione di lavoro secondo quanto dettagliato nelle istruzioni.

Durante la prova
Svolgere l’esame in assoluto silenzio e senza altre persone presenti nella stanza, pena l’annullamento dello stesso, utilizzando unicamente la chat prevista dalla piattaforma exam.net per eventuali interazioni con il docente.

Al termine della prova
Attendere comunque il termine del tempo previsto, e su richiesta del docente confermare l’invio del proprio elaborato.


Esami online su carta

Come si svolgono?
Gli studenti chiamati a svolgere online un appello scritto su carta devono consultare e scaricare, dal box documenti, le istruzioni da seguire. In particolare, è necessario fare molta attenzione ad alcuni passaggi fondamentali:

Prima della prova
Iscriversi all’appello di esame attraverso UNIMIA e successivamente attendere la mail del docente che specifica data e ora della prova (potrebbero differire da quanto indicato su UNIMIA) e altri aspetti operativi da predisporre in anticipo.

Durante la prova
Organizzare adeguatamente il proprio spazio di lavoro e svolgere l’esame in assoluto silenzio e senza altre persone presenti nella stanza, pena l’annullamento dello stesso.

Al termine della prova
Depositare la penna e rimanere seduti in attesa del proprio turno di consegna, seguendo le indicazioni del docente.


Cos’è lo SLAM?

Il Centro Linguistico d’Ateneo SLAM eroga test e corsi di lingua per studenti sia italiani che stranieri. In particolare:

Placement Test e corsi di inglese per le matricole
Obbligatori per chi non è già in possesso di una certificazione linguistica di livello pari o superiore a quello richiesto dal proprio corso di laurea.

Test e corsi di francese, spagnolo, tedesco e anglo-americano/inglese progredito
Obbligatori per chi ha nel proprio piano di studi l’accertamento di una seconda lingua (Aree di Scienze politiche, economiche e sociali e di Studi umanistici).

Test e corsi intensivi di francese, inglese, portoghese, spagnolo e tedesco
Rivolti agli studenti che partecipano ai bandi di mobilità europea ed extraeuropea.

Corsi di Italiano come lingua straniera
Accessibili a studenti, studenti Erasmus+, dottorandi, Visiting professor. L’Università degli Studi di Milano è anche sede di esami per il conseguimento di diverse certificazioni linguistiche che coinvolgono il Centro SLAM e altre strutture.


Stage e tirocini

Cos’è uno stage?
Lo stage (o tirocinio) è un’esperienza formativa di cui esistono diverse tipologie:
uno studente può svolgere solo stage/tirocini curricolari (anche più di uno, attivato secondo la medesima procedura), chi invece ha concluso un percorso di studio da non più di 12 mesi, può svolgere stage/tirocini extracurricolari.

Chi si occupa di stage?
Il Cosp gestisce le procedure per l’attivazione di tirocini presso Enti e Imprese pubbliche e private per gli studenti iscritti, i laureati e i diplomati post-laurea presso in nostro Ateneo.

Come si attiva?
Per attivare correttamente gli stage/tirocini ogni ente/impresa che accoglie un tirocinante, deve disporre di:
una Convenzione di tirocini di formazione e orientamento, che definisce i rapporti con l’Ateneo  (maggiori informazioni nella sezione dedicata in questa pagina);
un Progetto Formativo per ogni tirocinante che contiene gli obiettivi e le modalità di svolgimento, i tutor (aziendale e universitario), eventuali indennità e le garanzie assicurative (responsabilità civile ed infortuni, PAT Inail d’ateneo).


Percorso FOR24 2020/21

L’iscrizione è compatibile con i corsi singoli e il master?
SÌ, l’iscrizione è compatibile.


È possibile iscriversi al FOR24 di UNIMI se iscritti ad un corso di laurea in altro Ateneo?
NO, non è possibile.


Sono laureato, posso iscrivermi e fare più di 24 CFU?
NO, non è possibile. I CFU in più si possono acquisire con i “corsi singoli” (https://www.unimi.it/it/studiare/seguire-un-corso-singolo).


Sono già laureato magistrale in UNIMI o in altro ateneo. Sono iscritto in UNIMI come seconda laurea ma non all’ultimo anno né fuori corso. Posso iscrivermi al Percorso FOR24 2020/2021?
SÌ e vengo equiparato agli studenti UNIMI già laureati. Sono perciò tenuto al pagamento della seconda rata.


Sono stato iscritto al Percorso FOR24 di UNIMI ma non sono riuscito a completare i 24 cfu come da piano di studio presentato. Cosa posso fare per ottenere la certificazione completa?

Occorre immatricolarsi nuovamente ed entro il 9 novembre (termine perentorio) al percorso pagando la prima rata (66,00 euro). Dovrò poi compilare il piano di studio (dal 16 al 23 novembre, termine perentorio) inserendo gli esami ancora da sostenere e chiedendo il riconoscimento degli esami già sostenuti con esito positivo nel corso delle edizioni precedenti del FOR24 di UNIMI. In questo caso il riconoscimento delle attività pregresse in UNIMI nel FOR24 è automatico.


Mi sono iscritto al FOR24, ho pagato la prima rata entro il 10 novembre ma non ho compilato il piano di studio entro il 23 novembre. Cosa accade ora?

Come indicato nel bando, la mancata compilazione del Piano di studio comporterà la rinuncia al Percorso FOR24 senza rimborso della prima rata.


È possibile modificare gli esami scelti al momento della presentazione del piano di studi?
NO, non è possibile.


È possibile chiedere il riconoscimento di tutti i 24 CFU acquisiti in altro Ateneo?
NO, non è possibile in base a quanto stabilito dal DM 616/2017


Sono iscritto in questo Ateneo, devo presentare due piani di studi uno per il For24 e l’altro per il mio corso di studio?
SÌ, dovrà essere presentato il piano studi del corso di laurea e quello relativo al Percorso For24.


Posso chiedere il riconoscimento di esami non ancora sostenuti in UNIMI?
SÌ, si dovranno specificare nell’inserimento del piano studi ma la certificazione finale potrà essere rilasciata solo dopo il conseguimento di tutti i 24 CFU e comunque non prima della laurea.


Ho sostenuto un esame che ritengo riconoscibile ma senza voto (idoneità). Posso chiederne il riconoscimento?
NO, perché il voto d’esame è parte integrante della certificazione dei 24 cfu come stabilito dal DM616/2017.

Ho sostenuto alcuni esami negli ambiti richiesti presso un altro Ateneo, posso chiederne il riconoscimento per il percorso For24 in UNIMI?
SÌ, è possibile iscrivendosi al percorso For24 ma sarà necessario presentare un attestato dell’Università di provenienza che riporti le attività svolte, i relativi SSD, i CFU, la votazione finale e la coerenza con gli obbiettivi formativi e i contenuti previsti dal DM 616/2017. In mancanza dell’attestato occorrerà presentare, nel corso della compilazione del piano di studi FOR24, l’autocertificazione dei crediti acquisiti presso l’Ateneo di provenienza e l’elenco degli esami che l’ateneo di provenienza ritiene riconoscibili. In mancanza di tale documentazione non sarà possibile provvedere al riconoscimento.

Ho sostenuto presso questo Ateneo esami non compresi nelle tabelle 3 e 4 del bando ma che hanno i medesimi settori. Posso chiedere il riconoscimento?
NO, si precisa che il riconoscimento avviene sulla base della coerenza dei contenuti e degli obiettivi dell’insegnamento in relazione a quanto contenuto nel DM 616/2017 e relativi allegati e non in base alla mera equivalenza del settore scientifico disciplinare (SSD).

Sono un iscritto in UNIMI e mi laureo entro luglio 2021. Posso inserire nel piano di studio FOR24 gli insegnamenti e sostenere gli esami presenti nelle tabelle 3 e 4?
SÌ, è possibile, sostenendo i relativi esami entro la fine del Percorso FOR24 2019/2020 (30 settembre 2021).

La frequenza dei corsi è obbligatoria?
La frequenza dei corsi indicati in tabella 1 del bando non è obbligatoria ma è consigliata. La frequenza dei corsi indicati in tabella 2, qualora l’insegnamento sia stato impartito nel primo semestre, non è prevista per i laureati e l’esame viene sostenuto con programma non frequentanti.

Quando iniziano le lezioni e secondo quale calendario?
Le informazioni su inizio dei corsi, orari e sedi di svolgimento saranno disponibili entro il 20 dicembre 2020 per quanto attiene agli insegnamenti della tab.1 del bando. Per quanto riguarda gli insegnamenti della tab.2, gli interessati dovranno fare riferimento all’orario delle lezioni del corso di laurea di riferimento. I corsi relativi alla tab.1 del bando non inizieranno comunque prima del 15 gennaio 2021.

Mi laureo in UNIMI entro marzo/aprile 2021. Devo pagare la seconda rata del Percorso FOR24?
SÌ.

Sono iscritto per l’anno accademico 2020/2021 all’ultimo anno (o fuori corso) di un corso di laurea in UNIMI. Devo pagare la seconda rata del Percorso FOR24?
NO, sono esonerato dal pagamento della seconda rata del Percorso FOR24 ma non sono esonerato dal pagamento della seconda rata relativa al corso di laurea.

Quale ISEE devo richiedere per ottenere la riduzione della seconda rata rispetto all’importo massimo stabilito?
Per ottenere la riduzione della II° rata rispetto all’importo massimo stabilito deve essere richiesto l’ISEE 2020 entro il 31/12/2020. Sarà acquisito da questo Ateneo in automatico dalla banca dati dell’INPS e non dovrà quindi esser consegnata né inviata in segreteria l’attestazione cartacea.

Devo iscrivermi al Percorso per i 24 CFU presso altro Ateneo. Come richiedere l’attestato dei crediti curriculari già conseguiti presso questo Ateneo?
Non viene rilasciato alcun attestato. Sarà sufficiente stampare, attraverso i servizi online, l’autocertificazione con gli esami sostenuti e consegnarla all’Ateneo di destinazione. L’Ateneo verificherà che gli esami sostenuti corrispondano esattamente agli esami contenuti nel catalogo delle riconoscibilità (tab.3.e 4 del bando UNIMI FOR24 2020-2021).

Sono stato iscritto al FOR24 in UNIMI ma non ho terminato il percorso che terminerò in altro Ateneo. Come richiedere l’attestato dei crediti già conseguiti presso questo Ateneo?
Se in regola con i pagamenti, potrà presentare la richiesta presso lo sportello Scuole di Specializzazione (https://www.unimi.it/it/studiare/servizi-gli-studenti/segreterie-infostudenti).

Bando per borse di studio all’estero

Chi può partecipare al bando?
Possono partecipare tutti gli studenti di corsi di laurea magistrale o a ciclo unico che siano regolarmente iscritti presso l’Università degli studi di Milano e che rimangano tali per tutta la durata dell’esperienza all’estero, in possesso della media voti richiesta e indicata nello specifico allegato al Bando. Non è possibile partecipare dopo la laurea.

E’ possibile partecipare al bando se si è studenti fuori corso?
Sì, è possibile purché si possegga la media dei voti richiesta per il proprio corso di laurea.

La media dei voti rappresenta un criterio di esclusione?
Sì, è un criterio di esclusione. Generalmente la Commissione decide di applicare un lieve arrotondamento tale per cui, ad esempio, una media ponderata pari a 25,8 può essere considerata pari a 26; tuttavia, tale criterio non viene applicato per divari di media più ampi.

La certificazione linguistica è assolutamente necessaria per partecipare al bando?

Sì, senza di essa la candidatura viene automaticamente esclusa dalla selezione.

È compito dello studente individuare l’Istituto di destinazione dove svolgere l’esperienza?
Ai fini della partecipazione al bando, è necessario aver già individuato un relatore UNIMI disposto a seguire lo studente per la tesi magistrale?
Sì, lo studente, con l’aiuto del proprio relatore UNIMI, deve individuare l’Istituzione di destinazione più idonea ai fini della stesura della propria tesi magistrale; dovrà, quindi, prendere contatto con uno o più rappresentanti dell’Istituzione stessa al fine di ricevere accettazione mediante la compilazione e la firma, da parte della sede ospitante estera, della
lettera di intenti (allegata al Bando).

Per poter partecipare al bando, lo studente deve aver presentato ufficialmente domanda di laurea presso la segreteria studenti?
No, ai fini della partecipazione al bando tesi estero non è necessario avere presentato domanda di laurea. Per quanto attiene questa procedura, si rimanda alla Segreteria Studenti del proprio corso di laurea magistrale/a ciclo unico.

Il numero di mensilità richieste al momento della presentazione della domanda di partecipazione è vincolante?
Sì, non può essere modificato in seguito alla chiusura della domanda di partecipazione né può essere richiesta, in seguito, un’integrazione delle mensilità percepite, nemmeno in caso lo studente avesse chiesto, in prima istanza, un numero di mensilità inferiore al massimo
disponibile (6 mesi). Naturalmente, lo studente può decidere di rientrare dall’estero prima di quanto previsto: in questo caso, al momento della restituzione all’ufficio del Certificate of stay (documento ufficiale che attesta il periodo esatto di permanenza all’estero dello studente), allo studente sarà richiesto di restituire l’importo pari alle mensilità non
effettivamente trascorse all’estero.

Vi è la possibilità di ottenere contributi integrativi oltre la borsa di studio prevista dal bando?
No, non sono previsti contributi integrativi di nessun tipo, per nessuna ragione.

Come avviene il conteggio delle mensilità?
Il conteggio delle mensilità ai fini della borsa di studio è tale per cui 1 mese e 16 giorni complessivi vengono considerati alla stregua di 2 mesi. Pertanto, per lo studente che riceve 4 mensilità di borsa di studio, sarà sufficiente una permanenza effettiva – da certificate of stay – presso l’Istituzione di destinazione pari a 3 mesi e 16 giorni complessivi.

Come e quando viene erogata la borsa di studio agli studenti vincitori?
Su richiesta dell’ufficio gli studenti selezionati dovranno inviare, in seguito alla pubblicazione dei risultati, i propri dati bancari per il bonifico della borsa di studio. Poiché, al fine di poter procedere con il pagamento, sono necessari numerosi passaggi amministrativi, si precisa che gli studenti riceveranno la borsa di studio (in un’unica tranche) non prima di due mesi circa dal momento della pubblicazione dei risultati, fatto salvo il periodo di chiusura del bilancio, approssimativamente tra l’inizio di dicembre e la fine di gennaio.

Dottorati

Il Diploma Supplement è obbligatorio per l’ammissione o può essere sostituito da altri documenti?
Gli studenti italiani possono presentare un’autocertificazione con elenco degli esami sostenuti, voti e crediti e, per chi è già laureato, voto e data di laurea. All’università dove si consegue il titolo, va invece richiesta un’attestazione specifica per la distribuzione statistica dei voti, che nel Diploma supplement è già indicata. Chi ha studiato all’estero deve certificare tutti questi dati presentando un certificato rilasciato dall’università di provenienza.

Servono solo i certificati relativi alla laurea magistrale o anche alla triennale?
Per l’ammissione al dottorato viene valutata l’intera carriera universitaria, quindi vanno certificati entrambi i percorsi.

Ho vinto un posto con borsa di studio, posso usufruirne se sono assegnista di tesi?
Non puoi fruire contemporaneamente di una borsa di dottorato e di un assegno di ricerca.
Se sei un assegnista di ricerca dell’Università Statale di Milano (o di una sede consorziata) e sei stato ammesso a un corso di dottorato in un posto con borsa, puoi scegliere se percepire la borsa e rinunciare all’assegno o viceversa.
Nel caso in cui rinunci alla borsa per l’intera durata del dottorato, permetti a un altro candidato di fruirne. Se rinunci solo per un anno, resti titolare della borsa anche se non la percepisci e dovrai indicare la tua scelta anno dopo anno, all’atto del rinnovo dell’iscrizione.

Esistono convenzioni con Paesi stranieri?
Attualmente esistono convenzioni con diversi Paesi che ammettono l’iscrizione al dottorato in co-tutela.
In questi casi il titolo conseguito risulta valido sia in Italia che nel Paese con il quale viene stipulato l’accordo. 
Per proporre una nuova convenzione è necessario fare prima riferimento al coordinatore del corso di dottorato scelto e poi rivolgersi all’Ufficio Formazione permanente che provvede all’avvio della pratica e alla stipula.
Da alcuni anni vengono attivati anche corsi di dottorato internazionali grazie a specifici accordi con Paesi stranieri indicati nella sezione Internazionale del portale.