AVVIATA LA PROCEDURA PER LA DISTRIBUZIONE DI ASSORBENTI IN STATALE!

AVVIATA LA PROCEDURA PER LA DISTRIBUZIONE DI ASSORBENTI IN STATALE!

Ogni anno in Italia vengono venduti 2.6 miliardi di assorbenti con l’IVA al 22%, come per i beni di lusso. Business pericoloso che pagano studentesse, ragazze e donne

Due anni fa portammo una mozione, approvata all’unanimità, all’interno della Conferenza degli Studenti per chiedere all’Ateneo di installare distributori di assorbenti gratuiti in Università.

Era un punto del nostro programma delle elezioni del 2018 con il quale volevamo sia rispondere alla necessità delle studentesse che batterci contro la “tampon tax”.

Per questo negli scorsi mesi abbiamo portato all’Amministrazione e poi, tramite il nostro rappresentante, in CDA una proposta per impegnare l’Università su questo fronte.

Oggi il Consiglio di Amministrazione ha approvato all’unanimità l’avvio del percorso per l’installazione di assorbenti nei bagni di tutte le sedi dell’Ateneo e nelle prossime settimane verrà identificato l’operatore che installerà e rifornirà periodicamente i distributori. Questo senza alcun costo per l’Università.

Il costo medio di assorbente è oggi di 0,25 centesimi. Si prevede un costo di 0,10 centesimi per assorbente. Questo, come è emerso dalla discussione in CdA, per evitare usi impropri.

Nessun Ateneo italiano ha mai messo in campo questa iniziativa che come lista abbiamo voluto proporre. È un primo step che ci porterà verso la gratuità degli assorbenti. Questo ancora non basta, ma ci permette di mettere in discussione la catalogazione degli assorbenti come beni di lusso.

Grazie al nostro rappresentante Manuel Tropenscovino che si é impegnato in prima persona e a tutti quelli che insieme a noi hanno creduto in questo progetto!

L’8 marzo è tutti i giorni!